Il web è troppo lento (per questa volta…)

Le piante che resistono sul nostro davanzale sono poche e accuratamente testate. Anni di prove di sopravvivenza hanno dimostrato come, da noi, i gerani crescano belli lunghi andando a caccia della luce lontana, e le pervinche si ramifichino a chioma spettinata credendo di essere in sottobosco. D’inverno basta metterle dentro quando c’è il rischio di gelata, ed è fatta: il mimimo di verde per tutto l’anno è garantito.

Ma non questa estate.
L’estate è troppo calda, mi dicevo.
Perchè il nostro geranio si secca, e devo dimezzarne le foglie?
Ma soprattutto, perchè le foglie si seccano “a partire dal gambo”, che diventa asciutto sotto la base, mentre la foglia sta resistendo ancora?

Ieri Dado mi ha detto: “guarda sul blog di Oca Sapiens” (la mitica giornalista scientifica già citata per il suo lavoro sulle api), “c’è un articolo che parla di un parassita dei gerani, una farfallina grigia. L’hai vista anche tu?”

parassiti geranio parassiti geranio parassiti geranio parassiti geranio

Eccome se l’ho vista! Accidenti a questa farfallina! L’avevo notata proprio l’altro giorno, “che bella farfallina, quasi quasi me la porto al microscopio”, mi ero detta.
Altro che microscopio. Oramai è la parte vivente del nostro geranio, che è rimasta microscopica.
Ho controllato sulla scheda descrittiva l’aspetto che hanno i danni fatti da questo parassita. Ora che li so riconoscere, ne trovo in quantità sulle nostre povere ex-piante. Ovetti bianchi? Fiori mangiati prima che sboccino? Scavi a canaletto nei fusti? fusti che poi, per questo, si rinsecchiscono. Ecco qual era il motivo.
Tutta colpa della “Cacyreus marshalli” (così si chiama). Ora che l’ho scoperta, per il nostro geranio è troppo tardi. Posso solo toglierlo (terra compresa), per evitare che favorisca l’ulteriore moltiplicazione del parassita, che ci ha messo su casa e condominio.

Per questa volta, le informazioni sono arrivate a geranio finito. O perlomeno, “muovendosi da sole su web” sono arrivate solo oggi, che è comunque un risultato, ma se mi attivavo anche io con la ricerca, probabilmente ci incontravamo prima: è così che funziona, mica le cose da sapere ci piovono sempre in testa come questa volta, ci si deve attivare!
Dunque il web può tornare utile di nuovo: per fare alla “Cacyreus marshalli” una cattivissima pubblicità!!!
Nelle foto descrivo i tristi (ma spero utili) dettagli sulle condizione del geranio infestato negli angoli nascosti (neanche tanto, a questo stadio avanzato; ma l’inizio del ciclo è nascosto perchè parte all’interno della pianta).
Per vostra verifica ed azione.
Ulteriori informazioni alla scheda tecnica riportata in questo link.

2 pensieri riguardo “Il web è troppo lento (per questa volta…)”

  1. oddio… purtroppo l’ho trovano appena adesso anch’io… troppo tardi… malefica farfallina… 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.