Piccoli miti

L’altra sera, alle dieci, ho visto l’autobus n.26 che si fermava davanti alla piazzetta Belvedere. L’autista aveva deciso di scendere, lasciando tutte le persone dentro al bus, e di andare a prendersi un gelato da Toni Lamponi. Un poco trafelato, è risalito subito dopo nel bus con la coppetta in mano, ed è ripartito ridendo sotto i baffi.

L’altra mattina, tornando a casa, ho provato ad aprire il portone di casa usando la chiave che serve per il lucchetto della bici. Era un buon sintomo. Evidentemente la prima cosa che mi veniva in mano in automatico era collegata ad un pensiero di quelli giusti!

Questa notte, dopo una breve tappa al molo circondato dal mare nero come seta, sono tornata a casa senza aspettare la fine del concerto degli Arbe Garbe sulle rive. All’arrivo a casa però mi sono accesa la radio ancora per un po’. E ho sentito il concerto che continuava… era la diretta di Radio Fragola, che mi inseguiva, in modo da portare anche ai pigri pantofolai le ultime note della musica sul mare…

riflessi del tramonto acqua spazzata sul mare all'orizzonte vediamoci sul molo cielo sull'acqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.