Scenette quotidiane

Oggi ero con Dado alla fermata dell’autobus. Nell’attesa, ci siamo messi a guardare la vetrina del fioraio. C’erano degli oggetti fatti a mano, degli animaletti di legno, dei cactus…

Ad un certo punto passa un tipo dietro a noi.
“Scusè, muli”, ci dice. “Voi che sè più giovani… ve domando una roba. Ma quele piante cossa xè, supposte per el raffreddor?”
E se ne va.

cactus in vetrina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.