Ricordini di viaggio

Dei giorni della pedalata in Svizzera delle scorse due settimane, mi piace ripensare ad alcuni momenti particolari.

Per esempio a quello in cui, nel monolocale di Fabio, con le pantofole ballavo e scivolavo sul pavimento quasi a pattinare.
Oppure a quello in cui decidevamo che strada ciclabile prendere: (voce di Dado che imita Mike buongiorno all’apertura delle buste dei quiz): “la uno, la due o… la cinque?
Ricordo il profumo dell’infuso a base di rooibos e fiori di malva: non ho resitito, ne ho comprato una scorta di diversi etti, mentre la rivenditrice cercava le parole in una lingua a scelta (risultando quasi incomprensibile) in cui spiegarmi che il suo “cuoco” o “capo” (chef) formulava le miscele a mano.

E poi che storie, coi sacchi per i piumini che ogni sera dovevamo re-infilare in un posto nuovo: solo alla fine abbiamo sviluppato una tecnica sicura; nella foto sotto si vede il Dado all’opera, arrampicato sulla scala del letto a castello di un ostello. Come quell’altra volta in bed&breakfast, che avevamo un piumino troppo piccolo, che non bastava per tutti e due: stavamo sempre o coi piedi o con un lato scoperto, era impossibile, non si dormiva! Finchè, a metà notte, non ci è venuta l’illuminazione: fuori dalla stanza ci era stato lasciato un altro piumino singolo. Chi avrebbe detto che la soluzione giusta sarebbe stata usare due piumini insieme, uno a testa? La proprietaria, a sentirci la mattina dopo, rideva di noi… mah.

Non poteva mancare, tra le nostre scenette preferite, quella degli artisti di strada alla festa del lombrico: belghi-francesi, che Dado mi traduceva nell’orecchio, e piuttosto litigiosi tra loro. Notare la vista sul lago, nello sfondo, dall’alto della collina. Era da giorni che volevo caricarne il video.

Ah sì: come si chiamano in tedesco gli stuzzicadenti (con la punta alla menta: guardate nella foto l’estremità verde)? Zahnstocher, bastoni per le zanne!

la uno, la due o... la 5? rooibos alla malva riempimento sacco per piumino stuzzicadenti alla menta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.