Carrambata da Carluca

Che storie, com’è piccolo il mondo!
Accade talvolta che ci si ritrova, dopo anni, con dei vecchi amici, e si riscoprono punti di vista simili a quelli di una volta, anche molto tempo dopo…
Ma cominciamo dall’inizio.

Lo scorso venerdì siamo stati invitati a cena da Lucarla (eh, solo loro possono vantare soprannomi ricorsivi, Biuty&theBeast, oltre che Carluca Lucarla CarlucarluCarLucarla…).
Da un paio di giorni infatti Carla ci aveva promesso il radicchio rosso per la cena, e pure la zucca con cui ha fatto degli splendidi antipasti colla sfoglia (ottimi pure quelli al prosciutto e formaggio, buoni per il bis!).
Oltre a noi sono stati invitati Tullia e Matteo, che non vedevamo da circa dieci anni, a parte un paio di fuggevoli incroci in città.
Che recupero!
Che sorpresa!
Tutto questo ha portato allo splendido vantaggio di vedere (per una volta!) qualcuno che si è appisolato sul soffice divano prima di me… Un record! (E non dite che non parlo mai di pisolini: basta guardare il post di ieri…).
Inoltre, dopo la rievocazione di storie in vero stile “Finanziere, finanziere…” (come quelle della nonna di Tullia che ha veramente nascosto la carne nel reggipetto passando il confine!…), ci è stata suggerita la lettura de “Il giradischi di Tito“, che Dado ha prontamente già comprato.
Alla fine è arrivata dall’allenamento di Rugby anche la Cifra. Quella che… “C’è solo una persona al mondo di cui Chuck Norris ha paura: Cifra!”

p.s. le foto di seguito sono state scattate in parte da Carla, con la sua nuova macchina fotografica splendida fiammante…
Oppure, come dice lei: “Sono state un’opera collettiva dei partecipanti alla serata. Se vuoi specificare che non le avete fatte voi in quanto troppo brutte… 😀 hai tutto il mio sostegno!!! 🙂
Ma come brutte! Io sono venuta così bene dopo il fotoritocco!…

in cucina radicchio yumm! Dadone pensiamoci su...
Tullia cioccolata Matteo Davidaola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.