Una cucina tutta per sè

Adoro questo tipo di cena.
Non dovrei dirlo, perchè i pranzi curati e ricchi, risotto e insalata multi ingredienti di nuova invenzione, composti con ritualità assieme al Dado, sono il modo di mangiare più bello. Ma che l’accozzaglia di pappa rapida faccia sfizio, non si può negarlo. Ecco allora la composizione di stasera.
Panino tratto dal recupero delle ultime due fette di finocchiona e dello sfilatino raffermo, che diventa croccante quando viene scaldato. Uovo in camicia: morbidissimo, semplice, compatto fuori e col cuore da scarpetta dentro. Yoghurt da frigo vuoto, uno degli ultimi due: che bel, anche questa scorta viene esaurita senza spreco. Cassata siciliana dalla fiera di S. Nicolò o fetta della torta di pan di spagna fatta da Dado? Chiusura con la duecentesima tazza di tè arancio-finocchio-liquirizia, intramontabile.
Dispenser su Radio2 fino alle 21, e poi Uscita di Emergenza… saluti agli amici in radio!


Questa foto non l’ho fatta io, ma un’amica di Flickr, jlouisemurphy. Inno alla semplicità dell’ovetto. Una cosa tutta per sè.
This photo is made by a Flickr friend, jlouisemurphy. A splendid expression of the simplicity of daily things, like the taste of a boiled egg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.