Due stagni in un giorno solo

Domenica scorsa c’era una bella giornata di sole.
L’ho passata tutta in bici, mentre Dado era a Rovigo a giocare a hockey.
Ho preso il tram e sono andata sull’altopiano per proseguire la mia esplorazione degli stagni. Invece delle solite strade dritte, mi sono arrampicata su per le pendici dell’altopiano: su e giù per i sentieri del CAI numero 40, il 34, il 41.

carso e cielo blu balle di fieno lo stagno di colludrozza pranzo in osmizze

Arrivo dunque allo stagno di Colludrozza: piccolo e rotondo, è uno degli oltre 200 stagni che erano stati introdotti artificialmente nel periodo che precedeva la costruzione dell’acquedotto, come riserve d’acqua d’uso domestico e agricolo. Fino alla prima metà del ventesimo secolo, gli stagni venivano realizzati impermeabilizzando con argilla e pietra i fondi di alcune doline, ed erano l’unico modo per immagazzinare l’acqua. In seguito, dopo la costruzione della rete idrica, sono andati in declino per mancata manutenzione. Solo da qualche anno sono stati rigenerati per la loro importante funzione di sito ad alta biodiversità.

menischi magici4 menischi magici3 menischi magici2 menischi magici

Allo stagno di Colludrozza ho visto una ranocchia sola, e molta erba che disegnava giochi di righe riflesse, incurvate sui menischi formati dai fili d’erba a pelo d’acqua.

Dopo il pranzo in osmizza, ho proseguito il giro per la seconda tappa allo stagno di Contovello. Individuato come zona umida sin dal Medioevo, compare nelle prime mappe catastali nel 1822. Lì ho trovato le pareti della vasca in pietra e degli uccelli acquatici molto chiacchieroni: uno stagno un po’ diverso dagli altri.

lo stagno di conconello le pareti delo stagno di conconello chiacchierone di conconello qua qua qua...

2 pensieri riguardo “Due stagni in un giorno solo”

  1. Segno di seguito i commenti di Nicola Bressi (già fondatore e ora
    responsabile scientifico esterno dei Tutori Stagni).

    La rana di Banne (Stagno 9)
    è un maschio di rana dei Balcani (Pelophylax kurtmuelleri).

    Le rane di
    Monrupino (St. 7) sono rane ridibunde (Pelophylax ridibundus).

    Il tritone di Gropada (St. 23) è una larva a fine metamorfosi (già livrea
    giovanile ma ancora piccoli ciuffetti di branchie esterne a lato della
    testa) di tritone crestato italico (Triturus carnifex).

  2. Ulteriori commenti sempre da Nicola Bressi:

    Il secondo stagno è quello di Con-tov-ello (e non di Con-con-ello;
    dove c’è pure una pozza, ma molto più piccola).

    Lo stagno appare diverso perché gli fanno vivere una “crisi
    d’identità”: stagno carsico in naturalità o vasca da giardino
    pubblico in artificialità? (vedi presenza di anatre domestiche e pesci
    alieni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.