Storie di libri

Ieri pomeriggio, mi telefona il papi.
Mi dice: “Ti ricordi quel libro che ti ho comperato doppio, che avevi già? Come mai mi hai portato anche la tua copia, quella già letta, forse l’hai confusa con la mia?”
Rispondo: “No, te l’ho data in modo che tu possa andare dal libraio con le due copie, dimostrando che era effettivamente un doppione, così da poterti far cambiare quella nuova…”
E lui: “Ah… però io, su quella nuova, avevo tagliato il prezzo con le forbici, e mi vergognavo di dargliela indietro… Allora gli ho dato la tua!”
“Ah ah ah… gli hai restituito un libro letto??”
“Sì, però era in ordine… Speriamo solo che non ci sia rimasto un segnalibro dentro…”
“Ah ah! Se è così, allora va bè, avrò sparso segnalibri in giro!”

soffione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.