Storiella pre-nanna di qualche tempo fa

Ho trovato un vecchio appunto sul telefono; mi ero segnato questa conversazione pre-nanna di Diego, datata 5 agosto 2016 (aveva 4 anni). Nella sua cameretta, lui in letto, io sulla sedia a fianco, cercando di farlo addormentare presto…

Io: Diego, quanti giri del giardino hai fatto oggi in bici?
Diego: mmmh… Sei.
Io: Solo sei? Pensavo di più.
Diego: Ah… Due tre, quattro… (contando sottovoce)… Dieci. Ne ho fatti dieci.
Io: Bravo, domani ne farai di più.
Diego: (sempre contando)… Undici dodici… Diciannove…E dopo il venti cosa c’è?
Io: Ventuno ventidue…
Diego: Perché ci sono sempre numeri più grandi? Cosa viene dopo? … (lui sempre contando, mentre io mi stavo già addormentando)… … …  Ottantotto è proprio un numero ridicolo… … …  Novantanove, cento. Sono finiti?
Io: No, non sono finiti, ma per oggi penso che bastino. Adesso pensa a tutti questi numeri e dormi.
Diego: Va bene, li metto dentro alla pancia di Pandutis (il suo Panda di peluche).

Diego smette di parlare, resta in silenzio, io cerco di svicolare ed uscire dalla stanza… ma…

Diego: Papà… manca un numero! Il 74… eccolo qua!

Voglio fare l’astronauta

Diego: “Papà, si può andare sulla luna?”

Davide: “Forse con una scala molto grande… No, non credo… Ci vuole un razzo, come il razzo Egidio, ma vero”

Diego: “E dove si trova un razzo?”

Davide: “All’Agenzia Spaziale Europea, lì hanno i razzi per andare sulla luna”

Diego: “E come si fa ad andare là?”

Davide: “Devi studiare molto e poi devi andare a fare domanda per entrare, e se sei bravo ti scelgono per andare sulla luna”

Diego: “Ma vieni anche tu, con me?”

Davide: “Se vuoi ti accompagno a fare domanda…”

Strategie

– “Mamma, papà è tanto tempo che non guardiamo Handy Manny… Guardiamo un po’ di Handy Manny?”
– “No, Diego, oggi non è il giorno giusto…”
– “Lo guardiamo quando ci laviamo i capelli?…”
– “…” 
– “… sai, oggi pomeriggio mi sono messo un po’ di terra in testa…”

Buongiorno, pupazzetti!

Tra poco sveglierò Diego con una nuova sorpresa: l’amico di Gattel, il micino Lalo. Ci sono tutti gli ingredienti per impersonare le storie inventate con Diego: anche la avventura di Zucca, quella che non se la sentiva di salire su su verso il castello di Bled. 

È facile coltivare la mania dei pupazzetti che spuntano dal gomitolo.  Un nuovo suggerimento? Il manuale di frutta e verdura all’uncinetto!